Prima pagina

 

Introduzione

 

Messaggi

 

Consacrazione

 

Preghiere

 

Testimonianze

 

Verità

 

Archivio

 

1985

 

1986

 

1987

 

1988

 

1989

 

1990

 

1991

 

1992

 

1993

 

1994

 

1995

 

1996

 

1997

 

1998

 

1999

 

2000

 

2001

 

2002

 

2003

 

2005

 

2006

 

2007

 

2008

 

2010

 

2011

 

2014

 

2020

  1987


  Messaggio del 13 febbraio 1987

  Messaggio del 25 febbraio 1987

  Messaggio del 13 marzo 1987

  Messaggio del 18 aprile 1987

  Messaggio del 21 aprile 1987

  Messaggio del 23 aprile 1987

  Messaggio del 12 maggio 1987

  Messaggio del 17 maggio 1987

  Messaggio del 13 giugno 1987

  Messaggio del 15 giugno 1987

  Messaggio del 27 giugno 1987

  Messaggio del 29 giugno 1987

  Messaggio del 30 giugno 1987

  Messaggio del 15 luglio 1987

  Messaggio del 19 ottobre 1987

  Messaggio dellí»1l dicembre 1987

 


 

Messaggio del 13 febbraio 1987

Sii apostola del mio cuore

La Vergine dice: "Rinunciate a voi stessi. Non vi preoccupate. Io conosco i vostri cuori. Confidatemi tutto e contate su di me. Oh figlia mia prediletta! lo prendo parte alla tue tristezze. E quando soffri, soffro anchí»io con te. Quando ti affliggi, mi affliggo anchí»io. Quando sei triste, anchí»io sono triste. Le tristezze e le sofferenze di questo mondo si trasformeranno in felicita nellí»altra vita, poiché la felicità di questo mondo non é la felicità dellí»altro mondo. Ecco perché bisogna andare avanti, superando le prove del momento. Cosi godrete con me della felicità nellí»altro mondo. Quindi, figli miei, figlie mie, lasciate che in questo mondo tutti vi spezzino e vi calpestino. Cosi, verrete a me umili e piccoli. Ricevi la luce del mio sacro Cuore e sii uní»apostola del mio Cuore che dona la luce alle anime malate. Unitevi in reciproco amore. Abbiate fra di voi una fiducia reciproca; comportatevi con rispetto e lealtà e adempite i vostri doveri. Figli miei diletti! Ho fiducia in voi e dimorerò in voi".

 

Messaggio del 25 febbraio 1987

Sii luce per coloro che vivononelle tenebre

La Vergine dice: "Oh figlia mia diletta! Quando verrai verso di me lungo un cammino stretto e penoso, pieno di spine, il cammino dei piccoli e dei poveri, io ti terrò per mano. Vieni, dunque, e riceverai le consolazioni del regno dei cieli. Vieni a me, facendoti sempre più piccola; ti ho preparato una ghirlanda di alloro. Vieni! Figlia mia diletta, guardami e ricevi dal mio sacro Cuore ardente la luce con la quale illuminerai tutti coloro che vivono nelle tenebre. Sarò con te". (Julia dice alla Vergine di sentirsi indegna di fronte a una tale missione). La Vergine dice: "E chi ne é degno?.... Quello che importa é di voler vivere secondo la volontà del Signore. E quando lo abbiamo offeso, dobbiamo fare penitenza davanti a lui, piangendo". (Julia glielo promette, ma supplica la Vergine di assisterla). La Vergine risponde: "Si, continueremo a vederci. Addio!".(Lí»11 marzo 1987, la Vergine versò lacrime di sangue).

 

Messaggio del 13 marzo 1987

Mancanza dí»amore nelle coppiesposate

La Vergine dice: "Julia, tu sei mia figlia, sei la mia buona e diletta figlia. Oh figlia mia! Guarda come i peccati del mondo, oggi, diventano sempre più gravi, e come le tenebre vengono ad assalire il mondo. Non ci può essere pace nel mondo, perché tante famiglie sono malate. Le coppie, che si sono unite per essere felici, si staccano per mancanza dí»amore e di perdono;1í»odio, lí»invidia, la gelosia le separano. Fa in modo che io possa riaprire gli occhi. I miei occhi sono colmi di sangue per i colpi e le offese di ogni genere che ricevo. Asciuga le mie lacrime che colano tutti i giorni".

 

Messaggio del 18 aprile 1987

Pregate per i sacerdoti

La Vergine dice: "Figlia mia diletta! Prega senza posa per i sacerdoti. Le tue sofferenze, come quelle di uní»anima che suda sangue, diverranno una forza per i sacerdoti. Se il mio sacrificio e le vostre penitenze non accompagnano il lavoro dei sacerdoti, che aiutano coloro che sono caduti nellí»errore, come potete essere liberati dal peccato dí»ingratitudine? Andate! Vegliate e pregate senza posa per i sacerdoti. È urgente! Pregate pure per la pace del vostro Paese e perché cessi il controllo anarchico delle nascite".

 

Messaggio del 21 aprile 1987

Trasmettere i messaggi al Vescovo

La Vergine dice: "Partecipate tutti alla mia opera di salvezza, uniti ai preti". (Poi si rivolge unicamente a Julia). La Vergine dice: "Comunica i miei messaggi, per mezzo del tuo direttore spirituale, a monsignor Vescovo, affinché molti figli miei abbiano parte al regno dei cieli, Guarda di che fuoco arde il mio sacro Cuore per salvare anche una sola anima macchiata di peccato! Voglio liberare dai loro vizi le povere anime che vivono come se fossero sorde e cieche, benché abbiano gli occhi aperti. Voglio aiutarle a correggersi, rinunciando a se stesse sarò la loro forza quando torneranno a me, abbandonando il proprio "io". Darò vigore alle anime deboli e le aiuterò a liberarsi dai loro peccati".

 

Messaggio del 23 aprile 1987

La Vergine versa lacrime naturali e di sangue per i sacerdoti

La Vergine dice: "Oggi, per i miei diletti preti, sono sgorgate lacrime dí»amore dal mio Cuore ardente, per lavare le loro ferite e per consolarli. Vi chiedo di essere anche voi i loro consolatori miei amati preti percorrono oggi un cammino di solitudine, una Via Crucis. Sofferenti ed esausti, salgono il calvario. Percorrono questa Via crucis, soffrendo per le loro ferite e per 1í»abbandono in cui si trovano. Aiutate i miei preti.

Essi insegnano come amare secondo la volontà di Gesù, per la conversione dei peccatori incalliti nel vizio, per lavarli dalle loro immonde sozzure. Si sacrificano per tante anime che li maltrattano e li disprezzano. Vi domando di pregare con me per i miei preti oppressi da pesanti fardelli di penitenza, affinché restino fedeli alla loro vocazione, senza lasciarsi contaminare dal mondo. Sono i miei figli, e devono essere rispettati ed amati da tutti". (Julia chiede che cosa si deve fare). La Vergine dice: "Ascoltami bene e annuncia quanto dico. Dí»ora in poi, dovrete servire i preti e i religiosi come i padri e le madri che vi hanno generato. Dovete essere i loro consolatori. Poiché in questí»epoca pericolosa e piena di errori, Satana si accanisce con tutti i mezzi per tagliare le vene ai preti, con lo scopo di eliminare fosse anche uno solo di essi. Infatti, per lui é più vantaggioso far soccombere un unico prete che migliaia di laici.

Osserva, infatti, se sono divenuti migliori i preti che sono tornati alla vita laica... Per questo io prego piangendo perché non procedano oltre sulla via dellí»inferno. Vi chiedo di pregare anche voi per loro. Ascolta: tanti preti e religiosi soffrano a causa dei giudizi negativi che esprimono su di loro coloro che hanno la vocazione al matrimonio. Voi che non siete fedeli alla vostra vocazione di sposi come potete giudicare i preti e i religiosi? Come pretendete di togliere la pagliuzza che notate negli occhi degli altri, se non vedete le travi che avete nei vostri occhi? Oggi faccio appello a te per lavare le ferite dei miei diletti preti, dei miei preti che mi sono cari quanto la pupilla dei miei occhi. Veglia e prega. Anche mio Figlio desidera che tante anime siano salvate per mezzo loro, i religiosi! Prega per loro. Prega anche per le mie care figlie suore. I loro cuori sono pieni di lividi. Hanno una natura umana come voi e perciò possono commettere degli errori. E tu offrile al Signore, mettendole nelle tue preghiere".

 

Messaggio del 12 maggio 1987

Sullí»aborto. La Vergine ha pianto

La Vergine dice: "Ascolta, Julia: un grandissimo numero di anime, per colpa degli aborti, percorre la via che porta allí»inferno. Devo quindi appellarmi con le mie lacrime per salvare tutte queste anime. Desidero salvarle per mezzo tuo, grazie ai tuoi sacrifici e alle tue penitenze. Forse che io non conosco i mali e i dolori che sopporti? Vuoi condividere le sofferenze dei bimbi che vengono soppressi da genitori crudeli mediante 1í»aborto?".

 

Messaggio del 17 maggio 1987

Appello al Papa, ai cardinali, aivescovi, ai preti

La Vergine dice: "Faccio appello al Papa, ai cardinali, ai vescovi e a tutti i preti. Per salvare questo mondo corrotto dagli errori bisogna pregare insieme nel Getsemani, portando ognuno la propria croce. Condividete i dolori che mio Figlio ed io soffriamo nei nostri cuori. Vegliate e pregate sempre nel Getsemani per non cadere nei peccati contro la castità. Soltanto lí»amore può seguire Gesù. Oh figli miei, figlie mie! Vivete con me in maniera tale da non deludermi. Il mio Cuore é pieno di tristezza per colpa di coloro che commettono peccati. Offrite dunque qualche piccolo sacrificio. Non cercate le vostre soddisfazioni, ma amatemi semplicemente. Ora che la tirannia di Satana aumenta di giorno in giorno, egli si accanisce persino contro le anime fervide, per ottenere che mi rinneghino. Aiutatemi. Darò a voi tutti la luce del mio sacro Cuore affinché possiate salvare le anime. Ricevete la luce del mio cuore ardente e divenitene gli apostoli".

 

Messaggio del 13 giugno 1987

Sacrifici e penitenze per lasalvezza dei peccatori

La Vergine dice: "Quei miei figli che hanno la fede e desiderano vivere secondo la volontà del Signore patiscono maggiori sofferenze. Offritele tutte. Offrite un numero ancora maggiore di sacrifici. Se offrite sacrifici e penitenze con sincerità e amore, contribuite alla salvezza di molti peccatori. Fallo sapere a tutti".

 

Messaggio del 15 giugno 1987

La Vergine raccomanda a Julia la confessione frequente

La Vergine dice: "Se uní»anima si purifica confessandosi spesso, benché non abbia commesso che peccati veniali, può ricevere Gesù. Gesù ha istituito il sacramento dellí»eucaristia per nutrirvi della sua carne e del suo sangue e per unirsi a voi. Ed ha istituito questo sacramento meraviglioso, che é la confessione, mediante il quale uní»anima spiritualmente morta risuscita. Vi chiedo perciò di spalancare gli occhi, gli orecchi e il cuore mediante il sacramento della penitenza, per poter ricevere Gesù". (La Vergine piange a causa delle confessioni e delle comunioni sacrileghe).

 

Messaggio del 27 giugno 1987

Riparare ai sacrilegi controlí»Eucarestia

La Vergine dice: "Non tremare, ma abbi fiducia nel mio potere materno che sveglia le anime addormentate. Io accolgo tutte le anime pentite. Il tuo amore deve essere fervente; lí»amore può brillare e ardere solo in virtù di sacrifici continui. Persevera nei tuoi sforzi per accecare Satana. E il giovedì, offrirai atti di penitenza al SS.mo Sacramento. Prega costantemente per soffocare il male perpetrato contro il Signore e per riparare ai sacrilegi commessi contro 1í»eucaristia".

 

Messaggio del 29 giugno 1987

I miei messaggi cambieranno leanime disposte ad accoglierli

La Vergine dice: "Figlia mia, molti miei figli, che mi rendono testimonianza, non riescono ad annunciare 1í»amore cosi come va annunciato, perché vivono senza saper rinunciare al loro "io". Si devono fare un maggior numero di sacrifici e di penitenze per i peccati che vengono ancora commessi da molti miei figli bisogna che tu soffra di più. Appunto: devi partecipare ai miei dolori. I miei messaggi cambieranno le anime disposte ad accoglierli. In questi tempi, in cui gli errori si propagano ovunque, persino i miei figli diletti ne sono assaliti in maniera molto seria ecco perché voglio far udire la mia voce per mezzo tuo. Desidero liberare gli uomini dalle tenebre, diffondendo in loro la luce del mio Cuore ardente. Sii dunque una vittima Julia, io porto fardelli di penitenza per te, e tu porta fardelli per le altre anime.

Troppe anime mi spezzano il cuore e vanno allí»inferno. Quando compirai atti di penitenza e pregherai per le innumerevoli anime ingrate, esse saranno salvate. Io ti amo nella tua debolezza. Voglio che tutto il tuo amore sia rivolto a me. Desidero che tutti i fedeli obbediscano al Papa, ai cardinali, ai vescovi e a tutti i sacerdoti. Sono i miei figli diletti; sono essi che hanno ricevuto i poteri da Gesù mio figlio, per rimettere i peccati di tante anime contaminate. È per questa ragione che mio figlio Gesù, in virtù della confessione e dellí»eucaristia, scende dal cielo in terra, obbedendo alle loro parole. È vero che il mio Cuore soffre perché ci sono dei preti infedeli, che dimenticano la loro missione dí»amore. I preti fedeli si sacrificano per riparare alle offese subite da mio Figlio. Quindi, prega con me affinché siano tutti fedeli alla missione che hanno ricevuto".

 

Messaggio del 30 giugno 1987

La Vergine piange e ha la fronte imperlata di sudore

La Vergine dice: "Oh figli miei! Oh figlie mie! Tornate nel mio seno. Voglio essere il vostro asilo in questo mondo pieno di pericoli. Vi consumerò con la fiamma ardente del mio Cuore. Oh miei figli diletti! Se tornate a me, rinunciando a voi stessi, io lotterò con voi. Vi aiuterò con la mia potenza, quella stessa con cui ho schiacciato il serpente".

 

Messaggio del 15 luglio 1987

Il Rosario come profumo di rosenel mondo intero

(La Vergine raccomanda di recitare con fervore il rosario, che spande un profumo di rose nel mondo intero... È uní»arma potente contro cui il demonio é impotente). La Vergine dice: "Oh figlia mia! Non sono venuta per chiamare i giusti. È perché i peccatori sono incamminati verso 1í»inferno che io ti ho sottratta alle sofferenze e alla morte, volendoti far lavorare con me per la salvezza delle anime; non fosse che per salvarne una sola. Ecco perché mio figlio Gesù ti ha sanata ... Quando il tuo corpo soffre, sopporta le sofferenze per coloro le cui anime stanno per perire. Tu placherai la mia sete cocente con i tuoi sacrifici e le tue penitenze offerte per quelli che non riconoscono, come fai tu, che io sto patendo infinite sofferenze, simili a quelle che ho patito sul calvario a causa di mio Figlio. Non prendertela troppo per le tue colpe involontarie di tutti i giorni. Conta su di me, senza stizzirti e senza scusarti. Ciò ti aiuterà a diventare umile. Salverò tanti peccatori quanti me ne chiederai, grazie ai tuoi sacrifici, alle tue riparazioni e alle tue penitenze. Mi riempi di gioia quando accetti nel tuo cuore di soffrire per minime cose e cominci ad avere gli stessi sentimenti miei. La pace sia con te. Arrivederci". (La Vergine pianse il 18 agosto, e poi dal 27 al 30 agosto. Il 15 settembre, la Vergine versò lacrime di sangue).

 

Messaggio del 19 ottobre 1987

(Primo anniversario delle lacrimedi sangue)

Julia patisce i dolori della croce

(La Vergine versò lacrime di pianto. Julia, appena ne fu avvertita, corse verso la Vergine, cadde in estasi, e subì per la prima volta i dolori della croce. Durante 1í»estasi, trasmise il messaggio della Vergine. Accanto a lei, padre Johan Pak ascoltava le sue parole e le ripeteva a una persona che le trascriveva). La Vergine dice: "Ho chiamato padre Pak perché lo amo. Dovete rendermi testimonianza tenendovi per mano, unitamente a padre Lee. Voi non comprendete tutto il mio dolore. A causa dei peccatori non riesco a respirare. Dovete aiutarmi. Molti ecclesiastici distolgono gli occhi da me". Padre Pak domanda: "In che modo posso aiutarvi?".

La Vergine dice: "Molte mie pecorelle hanno imboccato la via dellí»inferno. Per quanto io lanci il mio appello in tutte le parti del mondo con le mie apparizioni e le mie lacrime, i miei messaggi non sono riferiti fedelmente. Padre Pak, mio diletto prete, tu non sei capitato qui per caso: sono io che ti ho chiamato, ti ho scelto. Devi aiutarmi nella sofferenza. Anche padre Pha , io lí» ho scelto. È indispensabile che i miei messaggi vengano diffusi al più presto in ogni parte del mondo. Sono i messaggi che vi do grazie alle sofferenze di Julia. Fateli conoscere al Vescovo. Quello che é importante non sono le mie lacrime, ma il contenuto dei miei messaggi. Bisogna che i messaggi che vi ho dato siano trasmessi rapidamente".(La Vergine é apparsa a Julia in uno stato di grande sofferenza a causa dei peccati cosi numerosi e cosi gravi commessi nel mondo Julia soffriva insieme alla Vergine).

"Coloro che pretendono di rendere testimonianza a mio figlio Gesù, mi causano queste sofferenze... Voi dovete prendere parte alle mie sofferenze. Padre Pak, tu devi aiutarmi, tenendoti per mano con padre Lee e padre Pha Padre Pak, sono io che ti ho scelto. Sono sempre con te, non crederti solo, Insieme a me, devi far conoscere le sofferenze di mio figlio Gesù. Devi salire il calvario con lui, portando la croce dellí»amore. Devi pregare con padre Lee e padre Pha per salvare molte anime. Dovete lavorare, la mano nella mano. Offrite le vostre preghiere, i vostri sacrifici, le vostre penitenze. Vegliate e pregate nel Getsemani con mio figlio Gesù, e annunciate in tutto il mondo i miei messaggi. Sono io che vi ho scelti, non lo potete dimenticare.

Dovete collaborare con me che vi sto preparando un serto di alloro. Julia non é che uno strumento. Dovete prenderle la mano e non lasciarla mai. Molti preti distolgono gli occhi da me. Dovete aiutarmi... Dovete portare con me la croce per salvare tante anime e per placare la giusta ira di Dio Padre. Il fuoco del cuore di Gesù e il fuoco del mio cuore continuano ad ardere, lanciando grandi fiammate dí»amore. 1o amo tutti i preti. Tutti i giorni, verso lacrime per i preti. Le verso per lavare le loro ferite. Le lacrime dei preti non devono essere lacrime di rancore, devono unirsi alle mie. Le grida di rancore si elevano contro il cielo". (La Vergine ha versato lacrime di pianto dallí»8 al 26 dicembre 1987).

 

Messaggio dellí»1l dicembre 1987

La Vergine si é scelta alcuni sacerdoti per i suoi messaggi

La Vergine dice: "Julia, Julia! Amata figlia mia! Piccola anima! Non cercare soddisfazioni Rinuncia a te stessa e vieni a me. Lavorerò con te, che ti consideri un essere miserabile e indegno. Diffida della tua vanità e del tuo amor proprio. Di che cosa ti preoccupi tanto, tu che devi fare 1í»elemosina ad una mendicante celeste? Perché insisti nel contrariare il mio cuore di madre del cielo, quando ti ho detto che ti amo nelle tue debolezze? Guardami. Verso lacrime di gioia. Ho chiamato i miei diletti preti perché tu ti sei sacrificata per offrirti vittima. I preti che ho chiamato non sono potuti venire tutti, ma ho benedetto i miei figli per mezzo dei miei preti eletti e raduno sotto il mio manto tutti i miei figli riuniti qui, perché divengano apostoli del mio Cuore.

E poi hai visto, figlia mia? I miei diletti preti, sono io che li ho chiamati. Ne ho persino fatto venire uno (1í»abate René Laurentin) da un paese lontano. Sono io che ho stabilito la data. Sono io che ho spostato la data, in modo che anche lui dia testimonianza per me. Egli parlerà al Papa. È il mio caro figlio piccolo piccolo, semplice semplice, dallí»anima bella. Lavorerà, mano nella mano, con padre Pha. Insieme a padre Gobbi annuncerà in tutto il mondo i miei messaggi ardenti. Prega incessantemente anche per lui. Il padre Pha faccia presto un resoconto al Vescovo di Kwangju per ricevere la sua approvazione; lo faccia insieme a1 parroco. È urgente che i miei messaggi siano messi in pratica; la gente non prega abbastanza. Se si otterrà senza indugi lí»approvazione de1Vescovo, una grande quantità dei miei figli che ora sono diretti allí»inferno potrà cambiare direzione.

E sarà un cammino verso la pace mondiale. Intendo dire che le preghiere dei figli benedetti di Corea saliranno in un baleno fino al trono di Dio. Io raduno i miei figli sotto il mio manto, ma spesso si sperdono. Aiutami, ti prego; aiutami insieme a padre Pha, piccola anima. Anche Padre Chong non é venuto per caso (1í»8 dicembre). La cosa era stata preparata da lungo tempo. E lavorerà anche lui, come piccola anima, alla propagazione della devozione al mio sacro Cuore. Padre Pak Matthias mi ama molto... Deve offrire più generosamente le proprie sofferenze. Digli che si può arrivare alla gloria del cielo soltanto attraverso la sofferenza. Digli che il mio sacro Cuore é sempre con lui.

Rendi noti anche a lui i miei messaggi. Digli che potrà salvare molte anime e che godrà di una grande gloria nellí»altro mondo quando si sarà liberato di tutte le sue paure e avrà fiducia in me e si appoggerà a me, quando offrirà tutti i suoi sacrifici per la riparazione dei peccati. Dono la coppa delle mie benedizioni al signor parroco e a padre Pak Hi- dong. Anche padre Oh Ki-son e padre Ha Antoine sono preti che ho scelto perché eseguano la mia opera. Li illumino con la luce del mio sacro Cuore. E prego anche incessantemente per i preti che vengono a me che piango. Irradieranno sempre più la mia luce, e il mio amore per essi sarà ancora più ardente. Arrivederci".

 

 

 

Copyright 2008, Arca della Salvezza di Maria. Tutti i diritti riservati.